Ho notato un po di confusione  riguardo le schede SD spero che questa piccola guida faccia un po di chiarezza.

SD sta per Secure Digital.
Inizialmente una scheda SD standard era in grado di gestire solo una capacità che andava da  128 MB a 2 GB. Le schede SD standard sono ormai quasi introvabili (ne dovrei avere ancora qualcuna in un cassetto  😀 ) e l’industria si è ormai spostata sugli standard SDHC e SDXC.

Cosa hanno di diverso le SDHC e SDXC?
Non voglio entrare in tecnicismi vari e rischiare di annoiarvi con file system, Fat 16, Fat 32 ed exFat. Vi basti sapere che le schede SDHC sono in grado di gestire capacità tra 4 GB e 32 GB. e le schede SDXC tra  64 GB e 2 TB, anche se credo che le schede da 2Tb non siano ancora sul mercato.
Non ci sono differenze sostanziali tra le schede SDHC e SDXC; tuttavia, a causa dei diversi formati dei file system potrebbe accadere che un vecchio lettore di schede non sia in grado di leggere le più nuove SDXC. mentre i nuovi lettori saranno sempre in grado di leggere le schede con gli standard più vecchi.

Tradizionalmente, le schede SD sono sempre state il “cuginetto” più lento quando confrontate con le schede CompactFlash da sempre utilizzate in campo professionale. Negli ultimi anni, però, le schede CompactFlash non hanno ricevuto sostanziali aggiornamenti mentre gli standard delle SD sono migliorati molto. Con la recente introduzione delle schede UHS-II la velocità di lettura è arrivata a 312 MB/s, quasi il doppio della velocità di una scheda UDMA 7 CompactFlash. L’unico neo è che, poiché sono così recenti, non tutte le fotocamere  ed i  lettori le supportano pienamente e, mentre è vero che le schede UHS-II sono retro compatibili, esse non vengono sfruttate a pieno regime dai lettori o dalle fotocamere più vecchie. La maggior parte delle fotocamere in commercio oggi ancora non è in grado di sfruttare pienamente lo standard UHS-II.

Breve nota: le schede micro SD essenzialmente sono identiche e seguono lo stesso metodo di classificazione delle sorelle maggiori, ma a causa delle dimensioni ridotte spesso sono un po’ più lente e meno capienti.

L’etichetta di una SD: cosa significano tutte quelle sigle? Andiamo ad analizzarle assieme:

A) Velocità massima di lettura
Questa è la velocità massima di lettura della scheda, di solito dato in megabyte al secondo (MB/s). Tenete presente che si tratta di una velocità di picco, solitamente sostenuta per brevissimo tempo.

B) Velocità massima di lettura 2
Questo è il secondo modo con cui viene espressa la velocità massima di lettura. Basata su standard piuttosto obsoleti, viene ancora usata da alcune case produttrici. Essenzialmente corrisponde alla velocità contrassegnata con A nella figura.

C)Tipologia
Questo indica il tipo di Scheda SD (SDHC, SDXC). I diversi tipi di schede utilizzano diversi formati per i file e spesso le schede più recenti non vengono lette dai vecchi lettori di schede.

D) Classe di velocità
Questo metodo di classificazione della velocità è ormai superato e risulta ridondante da quando è stato introdotto il metodo di classificazione UHS. Quasi tutte le schede però, la includono ancora perché molti prodotti in commercio fanno ancora uso di questo sistema per raccomandare le schede da utilizzare. La classe 10 è la più veloce del vecchio metodo di classificazione ed una scheda classificata 10 non scriverà mai ad una velocità inferiore a 10MB/s, una classe 4 per esempio non scenderà mai sotto ad i 4MB/s.

E) Classe di velocità UHS
La classe di velocità UHS garantisce la velocità minima di scrittura sostenuta della scheda, caratteristica molto importante per le nostre fotocamere. Le schede con una classe di velocità UHS 3 non scriveranno mai a meno di 30MB/s, Le schede con una
classe di velocità UHS 1 non scriveranno mai a meno di 10MB/s.

F) Classificazione UHS
L’UHS di una scheda determina la velocità massima di lettura del bus che una scheda è in grado di sostenere. Naturalmente questo presuppone che i chip di memoria presenti sulla scheda siano in grado di sostenere quella velocità. Le schede non UHS arrivano ad un massimo di 25MB/s, mentre le schede UHS-I ed UHS-II arrivano rispettivamente a 104MB/s, e 312MB/s. Sia il lettore di schede che la scheda devono supportare lo stesso standard per beneficiare delle maggiori  velocità. Le schede UHS sono compatibili anche con i vecchi lettori, ma non potranno sfruttare la maggiore velocità.

G) Capacità
Questa è la capacità della scheda: Le schede SD standard arrivano ad una capacità di 2 GB, le schede SDHC da 2GB a 32GB, e schede SDXC da 32 GB a 2 TB.

Quale Scheda SD dovrei prendere per la mia Fuji?
La risposta è abbastanza semplice: se possedete già o avete intenzione di acquistare a breve una X-T1 od una X-Pro 2 (o futuri modelli) scegliete assolutamente lo standard UHS-II perché le sfrutterete a pieno delle loro possibilità ed avrete molti benefici nelle prestazioni.

Se invece avete una fotocamera che non supporta lo standard UHS-II, come per esempio una X-T10 o una X-E2s, vi consiglio di prendere una scheda UHS-I che probabilmente sulle vostre fotocamere risulterà anche più veloce.

N.B. Tenete sempre d’occhio, e questo vale per UHS-I ed UHS-II, quella piccola U sull’etichetta della scheda: assicuratevi che vi sia un 3 al suo interno  😉

Quali dimensioni dovrebbe avere la mia scheda SD?
Dipende. 🙂
Una scheda SD da 8GB può contenere circa 250 immagini RAW o una valanga di JPEG. Capacità elevate come per esempio una scheda da 128GB sarebbero probabilmente difficilmente gestibili. Molti fotografi preferiscono schede di capacità più ridotte soprattutto perché, come tutto nella vita, anche le schede SD muoiono 😀 e si portano via anche tutto quello che contenevano 😀
Personalmente utilizzo schede da 16Gb; molti colleghi le utilizzano da 32gb ma io non riuscirei a dormire sonni tranquilli 😀

Save

Save